Pubblicato il

8 errori da evitare ad un matrimonio per un’invitata dall’outfit impeccabile

8 cose da evitare abbigliamento invitata matrimonio - Post Blog Lorcastyle

Quando una donna riceve un invito per una partecipazione ad un matrimonio, appena aperta la busta il primo pensiero che balena alla mente riguarda l’abito, e comincia a fantasticare sulle possibili combinazioni per realizzare un outfit impeccabile. Scatta così la corsa ai negozi e trova la scusa per un pizzico di buon shopping compulsivo che fa tanto bene all’umore, un po’ meno al portafogli. 
È facile però incappare in alcune scelte sbagliate che potrebbero rovinare tutto il completo, apparendo pacchiane, troppo eccentriche, oppure anonime e senza personalità. 
Ecco gli 8 peggiori errori da evitare assolutamente quando si sceglie l’outfit per il banchetto di nozze.

1 – Osare il bianco

L’unica donna che può vestirsi in bianco è solo la sposa, deve essere lei al centro dell’attenzione, la sola che brilla sotto i riflettori ed è fulcro della festa. 
Scegliere la tinta bianca significa rubarle la scena, e voi non vorreste mai attirare l’ira funesta di una sposa arrabbiata, vero?!
Optate quindi per delle tonalità pastello, neutre, come il verde mela, la carta zucchero, il cipria: grazie a questi colori sarete belle ed eleganti e allo stesso tempo sobrie.

2 – Altri colori off – limits

Ora che avete rinunciato al colore bianco, unico appannaggio della sposa, ricordatevi che ci sono altre tinte da evitare come la peste nel giorno del matrimonio, primo fra tutti il nero.
Anche se il look total black è da sempre considerato il top dell’eleganza, basti pensare ad Audrey Hepburn, non è la tinta più indicata per una festa come questa, poiché culturalmente è associata ad un’occasione triste, come un lutto. 

Alcuni personaggi celebri del jet set dello spettacolo hanno rivalutato il colore nero nei banchetti di nozze, ma si tratta di una scelta molto coraggiosa ed azzardata. Un altro colore vietato ad un’invitata che si rispetti è il viola: non è una tinta fortunata, si crede che porti sfortuna, soprattutto all’interno del mondo dell’arte e dello spettacolo. 
Il rosso, infine, è il colore della passione, ma anche della guerra e del sangue, meglio evitare.
Se proprio non potete farne a meno e il vostro carisma ve lo permette, utilizzate questi colori per giocare negli accessori.

3 – Snobbare il dress – code

Non rispettare un determinato desiderio degli sposi è quanto di più sbagliato si possa fare, non è un bel biglietto da visita e aumenta il rischio di apparire come la guastafeste del party: non vorreste mai rischiare di essere etichettate come Genoveffa, la sorellastra di Cenerentola! Di norma il dress – code è indicato sull’invito alle nozze, controllate bene se viene richiesto un colore particolare da indossare, oppure un accessorio, o addirittura un argomento da seguire per una festa a tema. Alcuni sposi sanno essere davvero esuberanti e un po’ pazzerelli, ma è sempre bene assecondarli!
Soprattutto se sarete le damigelle, dovrete assolutamente adattarvi allo stile scelto dalla sposa che vuole sentirsi una principessa, attorniata dalle sue amiche del cuore: a questo punto, bisogna sperare che abbia gusto nella moda, in modo da non sembrare delle goffe meringhe color rosa pastello. 

4 – Cappelli troppo estrosi

I cappelli enormi, eccentrici, troppo vistosi o addirittura ricchi di piume e dettagli animalier sono davvero di cattivo gusto e démodé.
Si rischia di emulare i matrimoni reali inglesi dove la dama porta sempre un copricapo, ma è un ingrediente di una ricetta vecchia, un pizzico riscaldata: meglio essere originali e personali senza omologarsi a tutti gli invitati.
Se proprio desiderate un accessorio per ornare la chioma, optate per un fiore tra i capelli, un cerchietto, un nastro di raso che riprenda il colore dell’abito o una bandana vintage che rimandi alle pin up anni ’60.

5 – Esagerare con la sensualità

Un’invitata ad un matrimonio deve seguire una regola fondamentale: non eccedere nella sensualità, in modo da non apparire troppo esuberante o addirittura volgare. Bando a spacchi vertiginosi o scollature infinite, sia sul décolleté che sulla schiena, meglio qualche centimetro di tessuto in più anche sulla gonna. Vi consigliamo, invece, di giocare con i contrasti di lunghezze, con giacche corte abbinate ad un abito lungo, o una bella sottana plissettata associata ad un doppio petto aderente e femminile. Se proprio non riuscite a rinunciare alla vostra fama di femme fatale, preferite un’attualissima pencil skirt fasciante sui fianchi, o una longuette sofisticata: anche la manica a tre quarti è particolarmente raffinata.

6 – Esagerare con gli accessori e i gioielli

Un altro errore in cui spesso si incappa ad un matrimonio è scegliere gioielli e accessori eccessivi. Il motto generale è less is more, è consigliato puntare alla la sobrietà e alle linee essenziali: sì invece a delicati punti luce sui lobi delle orecchie o sul collo, a fili di perle sottili, braccialetti colorati che fanno tanto estate, dita non troppo inanellate. Al massimo, meglio scegliere un unico accessorio che catturi l’attenzione, come una collana etnica su un abito pulito e lineare, un sandalo alla schiava, oppure un anello di plastica dalla tinta vitaminica che esalti su un outfit dai colori neutri. È sconsigliato esagerare con l’oro, con materiali troppo costosi, con pietre preziose pacchiane.

7 – Scarpe e calze sbagliate

Un altro argomento spinoso è la scelta della scarpa giusta per l’occasione, e soprattutto la calza: è assolutamente bandito il collant coprente color carne, brutto e fuori moda. 
Se ami un look classico e discreto, scegli un evergreen, la calza nera velata che è sempre elegante e raffinata. Se la stagione lo consente è sempre consigliabile la gamba nuda, probabilmente è meglio battere un pochino i denti che sembrare fuori moda: se bella vuoi apparire, un po’ devi soffrire! Se siete freddolose, indossate una bella parigina colorata, che darà un guizzo di colore ad un outfit semplice, fresco e giovanile. 

Per quanto riguarda la scarpa, no a tacchi vertiginosi, sì invece a sandali gioiello d’estate, ballerine di vernice, scarpe stringate originali un po’ anni ’20: le più estrose e aggressive possono azzardare anche un anfibio, l’importante è sempre smorzare l’intera mise con un abito più sobrio, in modo da ottenere un outfit equilibrato ed armonioso.

8 – Borse giganti

Infine, no a shopping bag voluminose che fanno troppo busta della spesa, sì alle clutch, a pochette colorate e borsette a mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *