Scamosciato

Il tessuto scamosciato si ricava togliendo dalla pelle la sua parte più superficiale, il cosiddetto fiore, quella di sicuro più pregiata. Successivamente, viene lavorato, conciato e tinto, in modo da ottenere un tessuto liscio e morbido, molto affine al velluto: proprio per questo lo scamosciato si chiama anche velours, con il termine francese. Come erroneamente si potrebbe pensare, non è prodotto con la pelle di camoscio, ma con vello di bovini ed ovini.

Con questo materiale si producono tantissimi componenti di arredo e capi di abbigliamento, inserti e dettagli per giacche, pantaloni e vestiti, borse e calzature.
È importante non confondere lo scamosciato con l’alcantara che è un materiale sintetico con caratteristiche molto simili al primo, ma non è di origine naturale.

Le proprietà dello scamosciato sono senza dubbio la morbidezza, si tratta di un materiale liscio e vellutato, confortevole e piuttosto isolante; le giacche realizzate con questo prodotto sono versatili, sia per l’autunno-inverno che per la stagione primaverile (dipende dalla fodera).
Stessa cosa vale per le calzature, esistono dei modelli in scamosciato particolarmente leggeri e freschi per il clima più mite.

Per preservarlo al meglio, si tratta con degli appositi detergenti, con il vapore e si asciuga con un panno morbido.

Visualizzazione di tutti i 6 risultati

Visualizzazione di tutti i 6 risultati